annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

moglie e buoi dei paesi tuoi

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • moglie e buoi dei paesi tuoi

    Ricoverati due dei tre militari accoltellati ieri sera a Milano

    Sono sotto osservazione in ospedale

    Roma, 19 mag. (askanew
    s) – Sono sempre ricoverati in ospedale due dei tre militari feriti ieri sera durante un’aggressione alla Stazione Centrale di Milano. I tre, due appartenenti all’esercito e un agente di polizia, sono stati accoltellati
    verso le 20 da un giovane 21enne, Ismail Tommaso Ben Yousef Hosni, nato in Italia, madre italiana e padre magrebino.

    Durante un controllo di documenti, all’interno della Stazione, il ragazzo, con precedenti penali per spaccio, ha estratto un coltello da cucina dalla tasca e ha colpito i tre componenti della pattuglia: l’agente è stato ferito lievemente a un braccio, uno dei due militari ha riportato un taglio alla gola e l’altro alla clavicola. L’aggressore è stato subito immobilizzato e arrestato con l’accusa di tentato omicidio.

    I tre feriti sono stati ricoverati in ospedale sotto osservazione, in serata l’agente è stato dimesso.

    Il capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, ha contattato i due soldati, che hanno risposto di persona al telefono comunicando di stare in buone condizioni fisiche e di aver già informato i propri familiari.

    Errico ha augurato una pronta guarigione ai due militari e al poliziotto ferito.

    che la luce sia con te.

  • #2
    E REAZIONI

    Il degrado alla Centrale e la marcia antirazzista che divide la politica

    L’aggressione e le polemiche. Maroni e Salvini: «Il corteo pro migranti va annullato». Il sindaco Beppe Sala: «Il nostro modo di pensare non cambia». La manifestazione si farà

    di Andrea Senesi
    shadow
    6
    «Ora annullate quella marcia!». Il nuovo caso di cronaca nera in arrivo dalla Stazione Centrale si trasforma nel giro di pochi minuti nell’ennesima polemica politica sul tema sicurezza e integrazione. Proprio nel giorno in cui in Prefettura era stata firmata l’intesa per l’accoglienza dei profughi e a poche ore dal corteo antirazzista, convocato per domani pomeriggio da un arcipelago di associazioni per chiedere che Milano, sul modello di Barcellona, abbatta ogni muro all’integrazione, è ancora la Centrale a finire in primo piano.

    Un ventenne nato a Milano da padre tunisino e da madre italiana ferisce a colpi di coltello due militari e un poliziotto che lo avevano fermato per un semplice controllo. Finisce con un codice giallo e un codice verde. Si scatenano le reazioni della destra. «Annullare la marcia pro-immigrati per rispetto dei feriti»: la prima reazione è firmata Roberto Maroni, il presidente leghista della Regione che, espressa la solidarietà ai militari e al poliziotto, si rivolge, via Twitter, agli organizzatori del corteo antirazzista. «Si tratta di un episodio gravissimo che dimostra come siano assolutamente necessarie le operazioni di controllo della criminalità come quella di qualche settimana fa».





    È il via. Il leitmotiv è trovato. A pochi minuti di distanza, ecco Mariastella Gelmini, ex ministro dell’Istruzione e ora coordinatrice lombarda di Forza Italia: «Chi marcia per l’accoglienza e chi si lamenta dei blitz ha ricevuto una risposta molto chiara. La cronaca dei fatti chiede da chi amministra concretezza e buon senso. La realtà batte la propaganda». Nel coro non poteva mancare la voce di Matteo Salvini. «Chi va alle marce per i migranti è complice dei delinquenti. E quelli del Pd soni ignoranti e complici, razzisti con gli italiani. Altro che blitz: servono controlli via per via ed espulsioni di massa».

    Il sindaco Beppe Sala prova invece a misurare le parole: «Questo fatto increscioso non cambia il nostro modo di pensare, ma ci spinge a essere ancora più attenti in ogni momento sui temi della sicurezza». Tocca al suo assessore al Welfare, Pierfrancesco Majorino (sinistra Pd), spazzare ogni dubbio sul corteo di domani pomeriggio: «La marcia anti-razzista non è minimamente in discussione. Non se ne parla nemmeno di disdirla».

    Ancora la Centrale. Era il due maggio, solo due settimane fa. Elicotteri, poliziotti a cavallo, fermate delle metropolitane chiuse. Una retata in grande stile, un blitz concordato tra il prefetto Luciana Lamorgese e il questore Marcello Cardona, una risposta, forse, al profugo che dieci giorni prima aveva aggredito ancora un militare e un poliziotto in piazza Duca d’Aosta. Certamente una prova muscolare e una scena mai vista a Milano, almeno non in modo così imponente. Tanto che qualcuno, dalla sinistra più radicale, arrivò a parlare allora di «rastrellamenti». Lo stesso sindaco Sala, l’indomani, prese le distanze: «Certamente un maggior controllo della stazione e di piazza Duca d’Aosta è ciò che vogliono i milanesi ma iniziative del genere devono essere concordate e gestite assieme», sbuffò il sindaco: «Voglio capire i risultati raggiunti e se è stata fatta per gli incidenti che si sono verificati o è il primo passo per una strategia diversa». L’assessore Majorino anche ora sostiene che quei distinguo e quelle prese di distanza rispetto al blitz erano sacrosanti. «Non abbiamo mai criticato la necessità di interventi continuativi, ma abbiamo semplicemente richiesto operazioni costanti e mirate. Oggi però il nostro pensiero va ai rappresentanti dell’ordine colpiti mentre svolgevano il loro lavoro».

    Non basterà il coro ossessivo della destra: domani pomeriggio il corteo «Insieme senza muri» si farà. Da porta Venezia, la casbah di Milano, fino al parco Sempione. In marcia i partiti della sinistra (ma il Pd sarà senza bandiere), le associazioni laiche e cattoliche del volontariato e del terzo settore, volti noti della cultura e dello spettacolo, persino i centri sociali che annunciano contestazioni alle forze di governo che hanno voluto il decreto Minniti. Sala ha annunciato giorni fa la sua «convinta» adesione e la volontà di partecipare alla manifestazione sfilando con la fascia tricolore da sindaco. In piazza sono attese almeno diecimila persone.

    19 maggio 2017 | 07:39



    ma
    Il corteo pro migranti e contro gli italiani idioti?

    la sinistra uccide il futuro e lo sterminio di un valoroso popolo"ITALIANO"?


    «La marcia anti-razzista non è minimamente in discussione.


    MA QUANDO NON SI POTRANNO PIU MANTENERE,COSA FARANNO QUESTI QUA? VE LO POTETE IMMAGINARE ?




    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   pizap.com14901916368261.jpg 
Visite: 2 
Dimensione: 24.2 KB 
ID: 2063395






    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   pizap.com14901916368261.jpg 
Visite: 2 
Dimensione: 24.2 KB 
ID: 2063396









    A SI IL BENE COMUNE MA SOLO DEGLI EXTRACOMUNITARI



























    Ultima modifica di Alien.; 19-05-2017, 10:24.
    che la luce sia con te.

    Commenta

    Unconfigured Ad Widget

    Comprimi

    Ultima estrazione del lotto

    Comprimi

    Estrazione del lotto
    martedì 21 novembre 2017
    Bari
    56
    47
    05
    58
    34
    Cagliari
    43
    36
    69
    73
    10
    Firenze
    34
    29
    88
    33
    17
    Genova
    85
    60
    05
    87
    44
    Milano
    11
    50
    44
    27
    41
    Napoli
    68
    78
    25
    47
    82
    Palermo
    03
    85
    16
    30
    17
    Roma
    23
    77
    14
    56
    89
    Torino
    31
    89
    48
    52
    20
    Venezia
    02
    89
    23
    34
    68
    Nazionale
    27
    83
    04
    82
    50
    Sto operando...
    X