annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

IL PAPA ERETICO ?

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • IL PAPA ERETICO ?

    Pubblicata la correzione formale a papa Francesco: "Ha detto 7 eresie"

    I siti tradizionalisti diffondo un documento, cosegnato al Pontefice l'11 agosto scorso, in cui si accusa l'esortazione Amoris laetitia

    Andrea Riva - Dom, 24/09/2017 - 10:55
    commenta


    Dall'elezione di papa Francesco, si assiste ad una grande confusione sotto il cupolone di San Pietro. Il pontefice pronuncia frasi che poi corregge e, da oggi, i fedeli diffondono documenti per correggere Bergoglio.



    Ads by


    Un bel casino, se ci passate il termine poco ecclesiale.

    Questa notte, infatti, alcuni siti tradizionalisti hanno diffuso una "correzione formale" nei confronti di papa Francesco, in modo tale che possa correggere, come riporta La Stampa, "i presunti errori contenuti nell'esortazione post-sinodale Amoris laetitia". Il documento sarebbe stato consegnato al pontefice lo scorso 11 agosto e, secondo quanto è dato sapere al momento, non presenta la firma di alcun cardinale o arcivescovo in comunione con Roma. L'unico ad aver firmato questo documento è monsignor Bernard Fellay, superiore della Fraternità san Pio X, la comunità fondata da monsignor Marcel Lefebvre. Ma nell'elenco dei firmatari della "correzione formale" non mancano fini teologi come monsignor Antonio Livi e padre Serafino Lanzetta. Sono ben 60 le persone che hanno firmato il documento per correggere il Pontefice.
    La correzione formale a papa Francesco

    Sarebbero sette le eresie in cui sarebbe incappata l'esortazione Amoris laetitia e, di conseguenza, anche papa Francesco:
    1. "Una persona giustificata non ha la forza con la grazia di Dio di adempiere i comandamenti oggettivi della legge divina, come se alcuni dei comandamenti fossero impossibili da osservare per colui che è giustificato; o come se la grazia di Dio, producendo la giustificazione in un individuo, non producesse invariabilmente e di sua natura la conversione da ogni peccato grave, o che non fosse sufficiente alla conversione da ogni peccato grave".
    2. "I cristiani che hanno ottenuto il divorzio civile dal coniuge con il quale erano validamente sposati e hanno contratto un matrimonio civile con un’altra persona (mentre il coniuge era in vita); i quali vivono 'more uxorio' con il loro partner civile e hanno scelto di rimanere in questo stato con piena consapevolezza della natura della loro azione e con il pieno consenso della volontà di rimanere in questo stato, non sono necessariamente nello stato di peccato mortale, possono ricevere la grazia santificante e crescere nella carità".
    3. "Un cristiano può avere la piena conoscenza di una legge divina e volontariamente può scegliere di violarla in una materia grave, ma non essere in stato di peccato mortale come risultato di quell’azione".
    4. "Una persona, mentre obbedisce alla legge divina, può peccare contro Dio in virtù di quella stessa obbedienza".
    5. "5. La coscienza può giudicare veramente e correttamente che talvolta gli atti sessuali tra persone che hanno contratto tra loro matrimonio civile, quantunque uno dei due o entrambi siano sacramentalmente sposati con un’altra persona, sono moralmente buoni, richiesti o comandati da Dio"
    6. "I principi morali e le verità morali contenute nella Divina Rivelazione e nella legge naturale non includono proibizioni negative che vietano assolutamente particolari generi di azioni che per il loro oggetto sono sempre gravemente illecite".
    7. "Nostro Signore Gesù Cristo vuole che la Chiesa abbandoni la sua perenne disciplina di rifiutare l’Eucaristia ai divorziati risposati e di rifiutare l’assoluzione ai divorziati risposati che non manifestano la contrizione per il loro stato di vita e un fermo proposito di emendarsi".

    Secondo coloro che hanno sottoscritto questo documento, "tutte queste proposizioni contraddicono verità divinamente rivelate che i cattolici devono credere con assenso di fede divina… È necessario per il bene delle anime che esse siano ancora una volta condannate dall’autorità della Chiesa. Nell’elencare queste sette proposizioni, non intendiamo offrire una lista esaustiva di tutte le eresie ed errori che ad una lettura obbiettiva di "Amoris laetitia", secondo il suo senso naturale e ovvio, il lettore evidenzierebbe in quanto affermati, suggeriti o favoriti dal documento. Piuttosto ci riferiamo alle proposizioni che Vostra Santità, mediante parole, atti e omissioni, ha in effetti sostenuto e propagato, causando grande e imminente pericolo per le anime".
    che la luce sia con te.

  • #2
    La «resistenza» a Francesco: la famiglia è sacra, il Papa no

    Chi si oppone a Bergoglio teme che il suo messaggio finisca per disgregare il nucleo centrale della società

    Stefano Filippi - Dom, 24/09/2017 - 08:46
    commenta


    Di mese in mese il «dossier» contro papa Francesco si gonfia di nuovi fascicoli. Il più consistente è quello sulla famiglia e la comunione ai divorziati, terreno su cui «si svolge la lotta fondamentale circa la dignità dell'uomo», per usare parole di Giovanni Paolo II nel 1997.



    Ads by

    Ma in una parte del mondo cattolico, non solo italiano (Est Europa, Africa, Stati Uniti), lo sconcerto si allarga ad altre questioni. La liturgia, cioè il modo di celebrare la messa, i sacramenti, le preghiere, i canti. La difesa della vita, passata in secondo piano davanti all'insistenza su temi come l'accoglienza degli immigrati e la difesa del creato. La discontinuità con il magistero degli ultimi pontefici. La distinzione tra teologia e pastorale, tra le regole e la loro applicazione. Il rapporto con la curia vaticana. I legami con la politica. E non si tratta di singole questioni, qualcosa che va e qualcos'altro no. «Oggi si gioca il permanere della Chiesa nella verità di Cristo», dice Riccardo Cascioli, direttore della «Nuova bussola quotidiana». Niente di meno. E sui sempre più numerosi siti tradizionalisti risuona la chiamata alle armi per «nuova crociata» voluta da Dio. L'infedele non è più a Gerusalemme, ma a Roma.

    Il Papa che vuole abbattere muri e costruire ponti starebbe in realtà innalzando barriere e scavando fossati. All'inizio del pontificato in queste cerchie si pensava che la diversità rispetto a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI fosse questione di biografia, di temperamento personale e retroterra culturale. Oggi invece gli ambienti antibergogliani parlano di una vera rottura con Cristo stesso. Una lacerazione complessiva, non limitata a qualche campo di applicazione. «Una parte della Chiesa dice Cascioli crede che il Concilio Vaticano II ne abbia fatta nascere una nuova. Quello che c'era prima è stato tagliato via, ciò che era stato affermato fino all'altro giorno viene contraddetto, e il nuovo va costruito nel rapporto con il mondo, non nella fedeltà a duemila anni di storia. Cancellato anche lo sforzo dei predecessori di condurre una riforma nella continuità. Nel dopo Concilio si era sviluppato un magistero parallelo alternativo a quello dei Papi. Era minoritario e oggi ha preso il potere».

    L'ultimo fronte aperto è quello della liturgia, materia molto tecnica. Papa Francesco di recente ha disposto che la Santa Sede non opererà più una revisione delle traduzioni dei testi liturgici fatte dai singoli episcopati, ma interverrà semplicemente con una conferma o una bocciatura. Il fronte conservatore vi ha colto un nuovo elemento di discontinuità tra Francesco e Benedetto XVI, identificato come l'ultimo vero custode del depositum fidei, i cardini della fede affidati al successore di san Pietro. «È una follia taglia corto il vaticanista Marco Tosatti : il messale in inglese può essere diverso in Alaska, Australia, Kenya. Stessa lingua, stessa messa, ma ogni conferenza episcopale potrà fare la sua traduzione mentre il Vaticano si limiterà a mettere un timbro. Se sei la Chiesa cattolica e universale, devi avere una cosa uguale ovunque: la messa. Mi pare una banalità sconcertante».

    Ma l'elenco delle lamentazioni è sterminato. Con papa Francesco sarebbe in dubbio il valore dell'eucaristia, cioè la presenza reale di Cristo nel pane e vino consacrati. In crisi anche la difesa della vita da quando Bergoglio archiviò l'espressione «valori non negoziabili»: «I valori sono valori e basta», disse in un'intervista al Corriere della Sera che sembrò mettere una pietra sull'insegnamento di Ratzinger, il quale quando guidava la Congregazione per la dottrina della fede coniò l'espressione «principi non negoziabili».


    Secondo i detrattori, Francesco parla solo di immigrati e accoglienza, mai di combattere aborto, eutanasia, fecondazione. E avrebbe abbandonato l'ecumenismo di Benedetto XVI verso gli ortodossi per privilegiare un dialogo ritenuto ambiguo con i luterani.

    Crea sconcerto un Papa che in aereo parla a ruota libera con i giornalisti, che non ama i teologi ma si lancia in lezioni sui cambiamenti climatici, che distingue la dottrina dalla pastorale con il risultato di cristallizzare le regole in un passato lontano mentre la modernità richiederebbe adattamento ed elasticità. Dopo anni di collateralismo tra vescovi e politica, si contesta l'appoggio del Vaticano al governo Gentiloni sulla gestione degli immigrati. Giornali, siti e blog criticano ferocemente le decisioni di Francesco, le riforme rimaste sulla carta, le scelte delle persone, la presunta volontà di esautorare di fatto la curia romana sostituendola con un «cerchio magico» di consiglieri che fanno e disfanno. I prefetti delle Congregazioni curiali sarebbero poco più che belle statuine tenute a ratificare i diktat che arrivano da Casa Santa Marta. La gente che continua ad andare a messa la domenica, sempre secondo la narrazione di chi predica il «dovere di resistere», è sconcertata da un Papa che bastona i vescovi carrieristi, i preti con la doppia vita e i fedeli superstiti malati di «Alzheimer spirituale», e poi fa gli elogi di Marco Pannella, Emma Bonino, Eugenio Scalfari, fieri nemici della Chiesa.

    Gran parte della contestazione anti Bergoglio corre su internet. Intellettuali e giornalisti dicono di vedere moltiplicati accessi, contatti, commenti su siti e blog, in un crescendo scandalizzato di dubbi e perplessità con toni ed epiteti che fino a qualche tempo fa sarebbero suonati fuori luogo negli scritti di tanti figli di santa madre Chiesa. È anche questa una forma di populismo? «No, è la rivolta dei laici contro il clericalismo - dice Tosatti -. Questa battaglia ha in prima fila gente che non porta la tonaca e non frequenta le curie. La consapevolezza del ruolo dei laici è un'eredità che dobbiamo a Giovanni Paolo II. Tanti pagano di persona, a partire dagli intellettuali cacciati dalle università pontificie».

    Un caso recente è quello del professor Josef Seifert, autore di testi critici verso l'«Amoris laetitia», invitato dall'arcivescovo di Granada a ritirarsi dall'Accademia internazionale di filosofia della città spagnola. Oppure, per tornare nei corridoi curiali, ci s'indigna per la successione al cardinale Carlo Caffarra, uno dei quattro cardinali dei «dubia». I vescovi dell'Emilia Romagna, nella consultazione di prassi, avevano indicato il nome di monsignor Francesco Cavina, vescovo di Carpi con un passato in Segreteria di Stato. Ma in un incontro in Vaticano a porte chiuse Cavina aveva criticato papa Francesco in sua presenza. Sei mesi dopo a Bologna è arrivato monsignor Matteo Zuppi, romano, assistente ecclesiastico della comunità di Sant'Egidio.

    (2. Continua)

    che la luce sia con te.

    Commenta


    • #3
      hahahahaah

      il salario che il peccato paga è la morte, e risulta inconfutabilmente che tutti muoiono.
      non c'è papa, non c'è contradditori, non ci sono presidenti o meglio "dei umani". tutti vanno alla terra da dove
      sono stati tratti. polveri eri e polvere ritornerai.

      tutti teologi e non, scienzati ed illuminati, potenti ed esaltati illustri, non hanno chiaro dove stiamo andando
      e non hanno compreso ancora il senso della vita, del perché siamo qui e quale l'obbiettivo abbiamo
      come essere o genere vivente.

      forse il regno animale lo sa meglio meglio di noi, e pone maggior rispetto al creatore della bestia uomo.


      da Millenni, ansima la vita a causa del non saper dare risposta a questo dilemma:
      Morte dov'è il tuo pungiglione? Eppure è scritto e rivelato in queste parole!

      Commenta

      Unconfigured Ad Widget

      Comprimi

      Ultima estrazione del lotto

      Comprimi

      Estrazione del lotto
      sabato 21 ottobre 2017
      Bari
      13
      68
      85
      40
      28
      Cagliari
      86
      59
      61
      69
      03
      Firenze
      16
      23
      37
      04
      73
      Genova
      01
      41
      33
      58
      02
      Milano
      68
      04
      06
      86
      28
      Napoli
      05
      57
      26
      01
      29
      Palermo
      84
      35
      63
      22
      08
      Roma
      33
      84
      43
      78
      35
      Torino
      57
      07
      40
      64
      32
      Venezia
      80
      31
      74
      32
      11
      Nazionale
      59
      70
      65
      85
      11
      Sto operando...
      X