annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Strage di Erba

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Strage di Erba

    IL CASO Strage di Erba, hanno bruciato i reperti prima della sentenza della Cassazione

    7 Agosto 2018

    3

    Non conosce mezze misure la Giustizia in Italia. Spesso è troppo lenta. Qualche volta addirittura troppo veloce. Corre e si incarta, a discapito del cittadino. È accaduto così che i reperti mai analizzati che erano stati prelevati sulla scena del crimine della nota strage di Erba siano stati inspiegabilmente distrutti dall' Ufficio corpi di reato presso il Tribunale di Como, addirittura prima che la Corte di Cassazione - il 12 luglio scorso - si pronunciasse in merito all' obbligatorietà o meno di eseguire un incidente probatorio volto a cristallizzare i risultati degli esami - irripetibili - su questi elementi di prova che furono del tutto trascurati durante il processo. Tali prove, mai ammesse in dibattimento, sarebbero state date alle fiamme dal cancelliere capo in persona, il quale si è recato presso l' inceneritore di Como, come documentano le carte.

    Leggi anche: Ora si muovono i giudici: Olindo e Rosa, perché si possono salvare


    Già alle ore 10.30 del mattino del 12 luglio, ossia a dieci ore esatte dalla sentenza della Suprema Corte, quindi prima di conoscere l' esito del suo giudizio, i reperti non erano che un mucchietto di polvere. Non possiamo fare a meno di chiederci il perché di tanta fretta. Anche perché distruggere dei reperti di questo tipo senza autorizzazione è reato penale. E qualcuno adesso dovrà risponderne.


    MARCIA INDIETRO Occorre sottolineare che i giudici bresciani il 16 gennaio scorso, nel fare marcia indietro dichiarando inammissibile l' esecuzione degli accertamenti tecnici sui reperti, nonostante questa fosse stata precedentemente disposta dalla Cassazione, avevano stabilito la conservazione degli stessi finché non si fossero esaurite le vie di ricorso spettanti alla difesa, la quale con prudenza aveva chiesto con istanza del 28 luglio 2018 alla Corte d' Assise di Como la sospensione della distruzione degli elementi di prova, in attesa appunto del deposito della motivazione della sentenza della Cassazione e della prospettata nuova richiesta di accertamenti tecnici irripetibili. Lo stesso Tribunale di Como con provvedimento del 30 luglio dava disposizione all' Ufficio corpi di reato di Como di non eseguire la distruzione.

    Poi il colpo di scena: il primo agosto l' Ufficio corpi di reato, nonostante i plurimi provvedimenti di sospensione, comunicava di aver già distrutto i reperti, infischiandosene degli ordini ricevuti dagli organi superiori e della necessità di attendere che la Suprema Corte decidesse sul ricorso presentato della difesa. Insomma, al diavolo persino la gerarchia.

    TANTA PREMURA Non si capisce questo fatto inquietante, ossia perché la Cancelleria del Tribunale di Como, Ufficio corpi di reato, abbia avuto tanta premura di cancellare quelle prove mai analizzate, ritenute importanti dalla difesa dei Romano, se non addirittura decisive nello scagionare Olindo e Rosa, condannati all' ergastolo perché considerati autori dei delitti che si consumarono la sera dell' 11 dicembre del 2006 all' interno della corte di via Diaz ad Erba (dove furono uccisi a colpi di coltello e spranga Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk, la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini con il suo cane).

    Dopo il passaggio in giudicati della sentenza di condanna, in data 7 gennaio 2015, Fabio Schembri, Luisa Bordeaux e Nico D' Ascola, legali dei Romano, chiesero alla Corte d' Assise di Como, quale giudice dell' esecuzione, l' analisi di tali reperti, custoditi presso il Dipartimento di Medicina Legale - Università degli Studi di Pavia e il R.I.S. di Parma, al fine di svolgere indagini difensive volte alla promozione di un eventuale giudizio di revisione.

    Con un tempismo straordinario, il 20 febbraio dello stesso anno, ossia qualche settimana dopo la presentazione della richiesta, la Cancelleria del Tribunale di Como, Ufficio corpi di reato, chiedeva alla Corte d' Assise di Como cosa dovesse fare dei reperti custoditi. Il pubblico ministero Astori espresse parere favorevole alla distruzione, così la Corte d' Assise di Como sulla base di un semplice parere ne dispose l' eliminazione con decorrenza di un anno a partire dal 20 aprile 2015. Qualche giorno prima della scadenza di questo termine però gli avvocati dei Romano presentarono alla Corte d' Appello di Brescia l' istanza di incidente probatorio, chiedendo contestualmente a Como ed ottenendo la revoca del provvedimento di distruzione.

    Iniziò così l' iter di ricorsi che ha condotto fino a qui. Prima che codesto percorso si concludesse con la pronuncia della Cassazione ed il deposito delle motivazioni, i reperti sono stati repentinamente bruciati. Il che è quantomeno agghiacciante.
    Questo significa che numerose prove prelevate dalla scena del crimine e mai considerate non potranno mai più essere sottoposte ad accertamenti. E che Olindo e Rosa, del cui passaggio negli appartamenti in cui sono avvenuti i delitti non è stata trovata alcuna traccia, sono stati privati della possibilità di chiedere una revisione del processo in base all' esito delle analisi sui reperti ormai annientati da una Giustizia che ha più fretta di fare spazio tra le scartoffie che essere equa.

    Per fortuna, però, come ha specificato a Libero l' avvocato Schembri, non tutti gli elementi sono andati persi, bensì solo quelli che si trovavano presso la cancelleria di Como. Ecco perché il legale ha chiesto ed ottenuto dal giudice che le prove custodite presso l' Università di Pavia ed il R.I.S. di Parma vengano salvaguardate.

    di Azzurra Noemi Barbuto



    E qualcuno adesso dovrà risponderne. si certo Olindo e Rosa.

    Tu pensa c'è di mezzo l'onore si fa per dire di fra 27 giudici e avvocati vuoi che ammettano che hanno errato tutto?Meglio che due "grulli " stiano in carcere.Il bello che loro sbagliano e non pagano mai.




    ************************************************** ***************************
    Tortora è morto 22 anni fa: gli ignobili magistrati che lo condannarono hanno fatto carriera.

    Post n°49 pubblicato il 29 Agosto 2010 da brunobr1

    Ho visto in tv un servizio su Enzo Tortora, ed ho ripensato ai magistrati che lo condannarono (a morte....).Caso Tortora: un ricordo (inedito) dell’avv. Caiazza per silvioscaglia.it

    28 maggio 2010 |
    E qualche considerazione su chi ci ha fatto carriera


    "Il ricordo è nitido e indelebile, nonostante i 22 anni trascorsi da quel lontano aprile del 1988: Enzo Tortora ricoverato in clinica, sdraiato sul suo letto, ormai irrimediabilmente malato, che incarica due giovani legali di chiedere cento miliardi di vecchie lire come risarcimento danni ai pm e ai giudici che lo hanno fatto ingiustamente condannare.


    Una cifra enorme, ma solo in apparenza spropositata, con un obiettivo chiaro: che se ne parlasse, che non finisse tutto nel dimenticatoio. “All’inizio eravamo perplessi, ma Tortora era un uomo di grande comunicazione e ci disse: dobbiamo fare rumore, fare notizia, tanto sono soldi che non vedrò mai, ormai mi hanno ammazzato. Ma è importante che la gente sappia, che la gente capisca.”. Tortora morì un mese dopo, il 18 maggio 1988, nella sua casa di Milano, stroncato da un tumore polmonare.

    A raccontare l’inedito episodio è l’avvocato Giandomenico Caiazza, oggi presidente della Camera Penale di Roma, allora insieme al collega Vincenzo Zeno Zencovich, investito del difficile compito di portare sul banco degli imputati i magistrati del caso Tortora. “Mi emoziona ancora - prosegue Caiazza – ripensare che Tortora, pur in quella tremenda condizione, riusciva a fare delle battute di spirito, a paragonarsi al signor Bonaventura, un personaggio un po’ strampalato di un fumetto di grande successo che leggeva da bambino. All’inizio di ogni storia il signor Bonaventura era sempre squattrinato, poi alla fine diventava ricchissimo, anzi milionario. Eppure Tortora sapeva benissimo che gli restava poco da vivere”.

    Dal danno derivò però anche la beffa. Ai due giovani avvocati toccò infatti la sorte di essere denunciati. Prosegue Caiazza:
    Non appena Enzo Tortora morì, come avvocati fummo accusati di calunnia dai magistrati, poi prosciolti. Ma intanto la causa verso i magistrati fu sospesa, fino a quando la Corte Costituzionale dichiarò “incostituzionale” la legge che avevamo utilizzato per muovere la stessa azione di responsabilità”.

    Per la cronaca, tutto il castello di menzogne su cui fu costruita la “falsa verità” delle accuse a Tortora è inoppugnabilmente franato. E non solo perché l’ex presentatore televisivo fu assolto definitivamente dalla Corte di Cassazione il 17 giugno 1987, a quattro anni esatti dal suo arresto, ma anche perché il principale protagonista delle accuse, Gianni Melluso (uscito dal carcere nel 2009 dopo averci passato 30 anni), ha finalmente deciso di vuotare il sacco, riconoscendo che si era inventato tutto. Lo ha fatto nei giorni scorsi, con una intervista al settimanale l’Espresso, appena pubblicata, a firma di Riccardo Bocca, dove ammette che fu tutto concordato con altri due boss mafiosi, Giovanni Pandico e Pasquale Barra: “Chiedo scusa, profondamente scusa – dice adesso Melluso – ai familiari di Enzo Tortora.
    Mi rivolgo soprattutto alle figlie Gaia e Silvia, che hanno patito l’inferno per colpa mia. È difficile che accettino di perdonarmi, lo so, ma sento il dovere di contribuire con la massima onestà a questa storia. Voglio dichiarare una volta per tutte che il presentatore Tortora era innocente”.

    Resta il fatto che nessuna azione penale, o anche indagine di approfondimento, è stata mai avviata, e nessun procedimento disciplinare è stato mai promosso davanti al Consiglio Superiore della Magistratura a carico dei pm e dei giudici che hanno condannato Tortora. Anzi le loro carriere sono proseguite come se niente fosse, nemmeno una censura. Per dire dei due pm: oggi Lucio di Pietro è Procuratore Generale a Salerno e Felice di Persia, ex coordinatore della direzione distrettuale antimafia a Napoli, ora in pensione, è Presidente del Consorzio Rinascita del litorale casertano, dopo un breve periodo di amministratore unico della Gisec, società provinciale per la gestione dei rifiuti sempre a Caserta. Mentre il presidente dell’allora collegio dei giudici, Luigi Sansone è da poco andato in pensione, non senza avere raggiunto il grado di Presidente della Cassazione."


    fonte:

    https://blog.libero.it/mondobruno/92...sonc=907777551



    che la luce sia con te.

Unconfigured Ad Widget

Comprimi

Ultima estrazione del lotto

Comprimi

Estrazione del lotto
sabato 20 aprile 2019
Bari
63
04
46
16
05
Cagliari
04
65
87
13
27
Firenze
45
37
31
20
42
Genova
44
40
55
77
81
Milano
35
14
31
59
41
Napoli
83
52
81
11
04
Palermo
68
82
78
60
29
Roma
65
13
35
66
29
Torino
24
69
06
03
76
Venezia
24
39
58
41
26
Nazionale
89
37
71
39
31
Sto operando...
X