Novità

GRAZIE SALVINI ARRIVERA AL 60%

Alien.

Well-known member
[h=1]Ocean Viking, Pd all'attacco: "Deve entrare in porto italiano"[/h] [h=2]
[/h]
Il segretario dem Zingaretti sferza il governo. Orfini: "Conte apra i porti". Il Pd pone già le basi per l'invasione

Nico Di Giuseppe - Mer, 11/09/2019 - 16:45
commenta

Sbarcheranno a Malta gli ultimi cinque migranti a bordo della Alan Kurdi, la nave della tedesca Sea Eye che il 31 agosto ha salvato tredici naufraghi.

Dopo aver toccato terra, saranno trasferiti in due Paesi dell'Unione Europea. Non si sa però di quali nazioni si tratti e il governo dell'isola fa sapere di aver autorizzato lo sbarco dopo che la ong ha accettato di far cadere una protesta formale contro La Valletta. Con l'insediamento del Conte bis Sea Eye sperava che il divieto di ingresso in acque territoriali italiane, emanato dal Viminale di Matteo Salvini, potesse essere annullato. Ma il decreto Sicurezza bis, che è ancora in vigore, permette l'approdo soltanto a chi versa in condizioni fisiche e psicologiche disperate. "Il messaggio è chiaro: si scende solo se si hanno gravi dolori fisici, se si impazzisce o se si tenta il suicidio - denuncia la ong -. Se si utilizzano le politiche dell'ex ministro dell'Interno leghista per dimostrare che non c'è bisogno di lui per bloccarci, si fa comunque in modo che il suo obiettivo venga raggiunto".

Critiche al no all'attracco sono arrivate anche dalla maggioranza Pd-M5s. "I
l primo atto del nuovo governo è chiudere i porti, chiedo di correggere subito questo errore", afferma l'esponente della direzione nazionale del Partito democratico, Matteo Orfini. Resta invece in stallo la sorte della Ocean Viking. La nave di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere è ancora in attesa con a bordo 84 sopravvissuti. Di questi, 34 sono stati salvati il 9 settembre dal veliero Josefa, ma la situazione sulla barca a vela della piccola ong tedesca Resqship, grande 14 metri, era diventata troppo pericolosa ed è stato necessario il trasbordo. Provengono da Nigeria, Senegal e Guinea, hanno alle spalle storie di recenti torture e privazioni. Tra loro anche 18 minori e 7 donne di cui in stato di gravidanza. Alla richiesta di un porto sicuro non hanno risposto né Italia né Malta.

Sulla vicenda è intervenuto il segretario Pd, Nicola Zingaretti, che ieri sera a diMartedì ha dichiarato: "La Ocean Viking "per me deve entrare senza se e senza ma" in un porto italiano". L'ex ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ha invece commentato: "Zingaretti: "Quella nave per me deve entrare, senza se e senza ma". Ottimo inizio... Vediamo alla prova dei fatti se il "nuovo" governo di sinistra farà gli interessi degli italiani difendendo i confini o riaprirà ancora i porti...".

Intanto la presidente eletta della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, nella sua lettera di mandato al greco Margaritis Schinas, ex responsabile della comunicazione della Commissione ed ex deputato del Partito popolare europeo, nominato vicepresidente con delega alla migrazione, chiede di "lavorare su un nuovo patto per la migrazione e l'asilo. Dobbiamo tenere presente tutti gli aspetti - scrive -, inclusi i controlli alle frontiere esterne, i sistemi di asilo e di rimpatri, l'area Schengen per la libera circolazione e lavorare con i Paesi terzi".

E dall'Europa anche il presidente del Parlamento europeo David Sassoli ha preso posizione:
"Ma certo che deve sbarcare. Cosa pensano di risolvere il problema dell'immigrazione tenendo in mare cento, duecento o trecento persone? Noi abbiamo bisogno di una politica per l'immigrazione. Ecco perché è molto importante quello che ha detto anche il presidente Conte: subito la riforma del regolamento di Dublino. Chi arriva in Italia arriva in Europa ed è l'Europa che si organizza non solo per le centinaia di persone, ma ad affrontare la questione dell'immigrazione,* che sarà una questione che ci porteremo dietro per molto tempo".

*Ma credo di no a Natale o forse prima ci fate il regalo vero ?
 

Alien.

Well-known member
[h=1]Lecco, clandestino aggredisce senza motivo due donne in stazione[/h] [h=2][/h]
La violenza nel sottopassaggio della stazione ferroviaria, dove un 24enne del Togo, irregolare e con precedenti, si è scagliato contro una ragazza di 18 anni e una donna di 55

Pina Francone - Mer, 11/09/2019 - 11:24
commenta

Prima uno spintone a una ragazza, poi un pugno in faccia a una donna: un immigrato clandestino ha seminato il panico nel sottopassaggio della stazione del treno di Lecco.

L'extracomunitario responsabile delle violenze è un 24enne del Togo, irregolare sul territorio italiano e con precedenti b. Le sue aggressioni, sono state immortalate dalle telecamere di videosorveglianza.

Nel filmato si vede l'africano camminare con fare ciondolante e minaccioso; dunque, prima arriva la forte spinta a una giovane 18enne, poi un gancio destro a una signora di 55 anni, che cade a terra prima di sensi. Il tutto senza alcun motivo se non quello di fare del male alle sfortunate malcapitate.


Clandestino semina il panico alla stazione di Lecco
Pubblica sul tuo sito



Immediato è stato l'intervento degli agenti della Polfer, che ha inseguito il violento, braccandolo nel piazzale della stazione, mentre era in procinto di prendere l'autobus, allontanandosi. Le forze dell'ordine lo hanno arrestato con l'accusa di lesioni aggravate. Il clandestino sarà sottoposto a perizia psichiatrica.

La ragazza di 18 anni è stata dimessa dall'ospedale Manzoni con una prognosi di dieci giorni, mentre la 55enne è stata tenuta in osservazione tutta la notte e dunque dimessa con trenta giorni di prognosi per trauma cranico commotivo.
 

Ultima estrazione Lotto

  • Estrazione del lotto
    martedì 17 settembre 2019
    Bari
    69
    17
    37
    05
    74
    Cagliari
    15
    45
    77
    36
    30
    Firenze
    84
    28
    72
    80
    62
    Genova
    89
    86
    43
    51
    06
    Milano
    87
    57
    33
    72
    66
    Napoli
    63
    03
    21
    62
    27
    Palermo
    15
    75
    58
    33
    84
    Roma
    54
    52
    10
    42
    20
    Torino
    42
    22
    36
    46
    37
    Venezia
    67
    46
    57
    42
    21
    Nazionale
    51
    70
    16
    46
    02
Alto