Novità

Torino, un rosario per Salvini

Alien.

Advanced Premium Member
Messaggi
21.203
Punti reazione
134
Punti
63
Torino, rosario per Salvini: "È l'unico che può risolvere i problemi dell'Italia"

Il gruppo di preghiera si è riunito davanti al Tribunale per pregare per Matteo Salvini: "Siamo qui per sostenerlo. È l'unico politico che può fare il bene per l'Italia"

Giorgia Baroncini - Mar, 10/12/2019 - 19:59





commenta

Con rosario e crocifisso, si sono trovati davanti al Tribunale di Torino per pregare tutti insieme. Una ventina di persone aderenti al gruppo di preghiera I cinque sassi si sono riunite davanti al palazzo di Giustizia per pregare per Matteo Salvini.


Il leader della Lega oggi avrebbe dovuto presentarsi in Procura per rispondere di vilipendio della magistratura e così i suoi sostenitori si sono ritrovati per dire una preghiera (guarda il video).
A guidare il rosario Angela Ciconte, dipendente della Asl di Torino e tra le fondatrici del gruppo. Il momento di preghiera è stato organizzato dal primo gruppo nato in Italia in risposta alle sardine, che si ritroveranno questa sera in Piazza Castello. "L'unico pesce che ci interessa è il simbolo dei primi cristiani", ha spiegato mostrando l'immagine del pesce usato dai cristiani delle origini come acronimo per indicare Gesù Cristoper sfuggire alle persecuzioni.
E così, con coroncina sacra e crocifissi, il gruppo ha intonato le preghiere davanti all'ingresso del Tribunale. "La fede è l'unica arma che abbiamo in mano per sostenere la battaglia di Salvini – hanno commentato i presenti –. È l'unico politico che può fare il bene per l'Italia e per gli italiani. Non importa se lui oggi non si presenterà davanti ai giudici, la preghiera arriva ovunque".

Torino, un rosario per Salvini davanti al Tribunale








Pubblica sul tuo sito

"Non preghiamo per l'assoluzione di Salvini - aveva spiegato alcuni giorni fa una delle fondatrici -, ma perché il Signore lo illumini e continuo a lavorare per il bene del Paese e la salvaguardia dei nostri Valori". "Non abbiamo mostrato i muscoli, ma attraverso la preghiera vogliamo essere lo stimolo per un'Italia meno tribolata e meno povera", ha aggiunto in mattinata spiegando che il gruppo si sta organizzando per creare in tutte piazza del Paese altre occasioni di preghiera.
"Non siamo qui per farci vedere con lui, ma per sostenerlo. Salvini ci ha detto di andare avanti, lui si fida di noi", ha concluso Angela Ciconte. Come spiega Repubblica, il leader della Lega aveva infatti incontrato la fondatrice del gruppo poche settimane fa a Milano. "Gli ho raccontato della nostra iniziativa, lui mi ha mostrato il rosario che aveva in tasca, è la prova che non lo usa solo in tv, ma lo tiene sempre con se perché ci crede. È l'unico politico che può risolvere i problemi dell'Italia", ha concluso la Ciconte.



MA LUI NON è D'ACCORDO ?

1576022137233.png



DAI CHE VI HO FATTO RIDERE HAHAHAHAHAH
 

Alien.

Advanced Premium Member
Messaggi
21.203
Punti reazione
134
Punti
63
Ecco perché l’Italia è il Paese più euroscettico
SUPPORT INSIDE OVER
Inside the news, Over the world


POLITICA/
Roberto Vivaldelli
10 DICEMBRE 2019
L’Italia conserva il primato di “euroscetticismo”. Come rileva un sondaggio dell’Eurobarometro pubblicato dal Parlamento europeo, il nostro è il Paese più euroscettico di tutta l’Ue, con appena il 37% della popolazione che ritiene che l’appartenenza all’Ue sia un fattore positivo. Come riporta l’Agi, complessivamente, nei 28 Stati membri il 59% degli intervistati ritiene che l’appartenenza all’Ue sia positiva per il loro paese. I Più entusiasti sono gli irlandesi e i lussemburghesi (81%) seguiti dagli olandesi (79%), mentre in fondo alla classifica ci sono Regno Unito (42%) e Repubblica ceca e Italia (37%). Il Regno Unito è l’unico paese che supera l’Italia in termini di opinioni negative sull’appartenenza all’Ue con il 24%. Il 48% degli italiani, inoltre, si dice insoddisfatto di come funziona la democrazia nell’Ue, contro il 44% di soddisfatti. Italia e Romania spiccano, rispettivamente con il 27% e il 22% dei cittadini che affermano che il loro interesse per le questioni europee è diminuito nell’ultimo anno.
In 14 Paesi il grado generale di soddisfazione per la democrazia europea è maggiore rispetto a quello nazionale. Accade in Bulgaria, Croazia, Lettonia, Lituania, Polonia e Romania. L’analisi sociodemografica mostra che le categorie con un maggiore interesse per gli affari europei sono in gran parte i gruppi sociali che si sono recati alle urne in occasione delle elezioni europee del 2019: 28% dei giovani afferma di avere oggi un interesse maggiore per le questioni europee, così come il 31% degli studenti e il 35% dei manager.

Italia, cresce la sfiducia
Il sondaggio dell’Eurobarometro conferma i contenuti del rapporto del Censis, pubblicato pochi giorni fa. Come riportato da IlGiornale.it, nel nostro Paese domina l’incertezza: è questo lo stato d’animo del 69% di chi vive nel nostro Paese. La sfiducia non è rivolta solo alla politica e alla burocrazia: il 75% degli italiani, infatti, non si fida più degli altri, il 44% si sente insicuro nelle vie che frequenta abitualmente, il 26% ha litigato con qualcuno per strada. Dopo gli incerti, ci sono i pessimisti (17%), che lasciano sul gradino più basso del podio gli ottimisti, che risultano solo il 14%.
Confermato dunque il rapporto complicato con l’Unione europea, rilevato anche dal Censis: il 62% degli italiani è convinto che dall’Ue non si debba uscire, ma il 25%, uno su quattro, è invece favorevole all’Italexit. A poco meno di vent’anni dall’introduzione della moneta unica, il 61% dice no al ritorno della lira e il 24% è invece favorevole. Inoltre, se il 49% si dice contrario alla riattivazione delle dogane alla frontiere interne della Ue, considerate un ostacolo alla libera circolazione di merci e persone, il 32% sarebbe invece per rimetterle.
Ecco perché in Italia domina l’euroscetticismo
Il sentimento di disillusione e diffidenza degli italiani nei confronti dell’Unione europea è frutto di una crisi che appare senza fine. Secondo i dati della Banca di Italia, il tasso di disoccupazione in Italia è salito dal 6,7% del 2008 al 12,7% nel 2014 (con una punta del 13,5% toccata nel primo trimestre dell’anno), per poi assestarsi all’11,2% nel 2017. Se si guardano i numeri puri, gli italiani disoccupati erano nel 2008 1,6 milioni, mentre nel 2014 sono più che raddoppiati arrivando a sfiorare i 3,5 milioni. Nel 2008 era pari al 21,2%, nel primo trimestre del 2014 ha avuto un picco fino al 46,2%, per poi scendere al 31% nell’agosto 2018. Nel 2008 i ragazzi fra i 15 e i 24 anni senza un lavoro erano 388mila, nell’anno più duro della crisi, il 2014, sono diventati 743mila.
Per quanto riguarda il reddito, riporta Pagella Politica, secondo l’istituto di statistica dell’Ue, dal 1999 al 2018 (ultimo dato disponibile) il reddito medio degli italiani – calcolato senza tenere conto dell’inflazione è cresciuto dell’1,21 per cento, passando dai 26.440 euro del 1999 ai 26.760 euro del 2018. Ciò significa una crescita annua media dello 0,06 per cento. Fino alla crisi finanziaria globale, tra il 1999 e il 2007, il reddito pro capite italiano è aumentato dell’8,6 per cento, passando da 26.440 euro a 28.730 euro. A seguito della doppia recessione che ha colpito l’Italia nel 2008 e nel 2013, il reddito pro capite è però calato fino a scendere sotto al valore del 1999, attestandosi nel 2014 a 25.420 euro (–3,8 per cento rispetto al 1999). Secondo uno studio della Cgia, riportato dall’Adnkronos, dal 2007, anno che precede la crisi economica, le famiglie italiane hanno ‘tagliato’ consumi per un importo pari a 21,5 miliardi di euro. A farne le spese soprattutto le piccole botteghe artigiane ed i negozi che dal 2009 ad oggi, in meno di 10 anni, sono diminuite del 12,1%, circa 178.500 unità, mentre lo stock dei piccoli negozi è sceso di quasi 29.500 unità, -3,8%. Una perdita che complessivamente registra la sparizione di quasi 200 mila negozi di vicinato in 10 anni.
La stagnazione economica italiana, unita alla crisi dei rifugiati, che negli anni scorsi ha investito in modo particolare l’Italia e i Paesi del Sud Europa, ha contribuito ad alimentare gli “umori” euroscettici rilevati dall’Eurobarometro. Che non dovrebbero affatto sorprendere, se si vuole fare i conti con la realtà.


AutoreROBERTO VIVALDELLI @rvivaldelli
 

Ultima estrazione Lotto

  • Estrazione del lotto
    sabato 18 gennaio 2020
    Bari
    50
    69
    66
    53
    85
    Cagliari
    05
    81
    46
    82
    37
    Firenze
    71
    40
    73
    41
    74
    Genova
    57
    10
    51
    35
    16
    Milano
    73
    28
    87
    15
    88
    Napoli
    22
    77
    89
    19
    41
    Palermo
    14
    09
    04
    03
    34
    Roma
    40
    15
    45
    35
    11
    Torino
    08
    30
    01
    72
    50
    Venezia
    49
    43
    76
    20
    38
    Nazionale
    80
    18
    48
    02
    67
Alto